Sono mesi che cerco di trovare le parole migliori per descrivere il tuo lavoro e lasciare una recensione nel vostro sito, ma in quel momento ho realizzato che non dovevo cercare parole, ma sensazioni. Perché il giorno che siamo entrati nel vostro studio, noi non abbiamo scelto voi, ma le vostre foto hanno scelto noi. Non sapevamo praticamente nulla del nostro matrimonio, solo che volevamo ricordarcelo per la grande festa che sarebbe stata. E prima di ogni altra cosa, del vestito, del cibo, dei fiori… sebbene i tempi stretti dato il poco preavviso con cui abbiamo deciso di convolare a nozze, abbiamo cercato il fotografo, affinché le immagini che avevamo appena accennate nella nostra mente diventassero indelebili. E quel giorno tu non hai fatto altro che osservare tutte quelle immagini, coglierle e bloccarle. E lì mi è stata chiara la differenza. Ti avevamo solo detto che ci sarebbe piaciuto ricordare i nostri ospiti per i motivi per cui li avevamo invitati: il loro essere nostri amici, familiari, persone importanti. E tu, senza conoscerli prima, hai saputo vedere la gioia del loro essere lì con noi nella spontaneità dei loro gesti. Più guardo le nostre foto e più mi rendo conto dell’impresa eccezionale che hai realizzato nel muoverti silenziosamente e di continuo, da sola, senza mai chiedere anche semplicemente di sorridere o girare lo sguardo per una migliore messa a fuoco. Ci hai pensato tu da dietro l’obiettivo a distribuire la luce giusta. Grazie!